filesmonster.porn

Autorità  ATO Toscana Sud

Amministrazione Trasparente

Disposizioni Generali
Atti Generali
Attestazioni OIV o di struttura analoga
Organizzazione
Organi di indirizzo politico-amministrativo
Sanzioni per mancata comunicazione dei dati
Articolazione degli uffici
Telefono e posta elettronica
Consulenti e collaboratori
Personale
Incarichi amministrativi di vertice
Dirigenti
Posizioni organizzative
Dotazione organica
Personale non a tempo indeterminato
Tassi di assenza
Incarichi conferiti e autorizzati ai dipendenti
Incarichi autorizzati ai dipendenti
Incarichi conferiti
Contrattazione collettiva
Contrattazione integrativa
OIV
Codice di comportamento e disciplina
Bandi di Concorso
Performance
Sistema di misurazione e valutazione della Performance
Piano della Performance
Relazione sulla Performance
Documento dell'OIV di validazione della Relazione sulla Performance
Relazione dell'OIV sul funzionamento complessivo del Sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni
Programma per la Trasparenza e l'Integrità
Ammontare complessivo dei premi
Dati relativi ai premi
Benessere organizzativo
Enti controllati
Enti pubblici vigilati
Società partecipate
Enti di diritto privato controllati
Rappresentazione grafica
Attività e procedimenti
Dati aggregati attività amministrativa
Tipologie di procedimento
Monitoraggio tempi procedimentali
Dichiarazioni sostitutive e acquisizione d'ufficio dei dati
Provvedimenti
Provvedimenti organi indirizzo-politico
Provvedimenti dirigenti
Controlli sulle imprese
Bandi di gara e contratti
AVCP
Contratto di Servizio ATS/SEI Toscana
Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici
Criteri e modalità
Atti di concessione
BANDI RD
Bilanci
Bilancio preventivo e consuntivo
Piano degli indicatori e risultati attesi di bilancio
Beni immobili e gestione patrimonio
Patrimonio immobiliare
Canoni di locazione o affitto
Controlli e rilievi sull'amministrazione
Servizi erogati
Carta dei servizi e standard di qualità
Class action
Costi contabilizzati
Tempi medi di erogazione dei servizi
Liste di attesa
Pagamenti dell'amministrazione
Indicatore di tempestività dei pagamenti
IBAN e pagamenti informatici
Elenco debiti scaduti
Piano dei pagamenti
Elenco debiti comunicati ai creditori
Opere pubbliche
Pianificazione e governo del territorio
Informazioni ambientali
Strutture sanitarie private accreditate
Interventi straordinari e di emergenza
Altri contenuti - Corruzione
Altri contenuti - Accesso civico
Altri contenuti - Accessibilità e Catalogo di dati, metadati e banche dati
Altri contenuti

Utilità

Valid XHTMLValid CSS
+ - reset

Comunicato Stampa 29.01.14

 

A partire dal 01 gennaio 2014 si è avviata la gestione unitaria dei rifiuti in tutti i territori della Provincia di Siena, Arezzo e Grosseto.

Questo rappresenta il primo e concreto effetto della conclusione della gara per l’individuazione del Gestore Unico che l’ATO TOSCANA SUD, ovvero i 103 comuni che ne fanno parte, hanno con forza intrapreso, a partire dal 2009, nel rispetto della Legge Regionale n. 61/2007.
Con l’avvio della gestione unitaria si è costituita una univocità di programmazione, gestione, regolazione e controllo estesa a circa 850.000 abitanti per un territorio pari a più della metà della Regione Toscana e che verrà estesa, a partire dal 01.01.2015, anche ad ulteriori 60.000 abitanti dei Comuni di Castagneto Carducci, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Piombino, Sassetta e Suvereto entrati a far parte anch’essi nel corso del 2013.Questo scenario, che rappresenta una singolarità a livello nazionale, può e deve rappresentare una opportunità di gestione industriale trasparente e sostenibile in un settore così delicato e strategico come quello della gestione dei rifiuti che per troppi anni, anche e soprattutto nella regione toscana, ha sofferto i mali della esasperata frammentazione decisionale e gestionale.L’avvio del Gestore Unico, individuato dall’ ATO TOSCANA SUD in SEI TOSCANA s.r.l., costituisce l’avvio di un percorso di lavoro verso quegli obiettivi virtuosi richiesti dal quadro normativo europeo, nazionale e regionale di cui l’unicità della gestione ne rappresenta il presupposto. Una grande parte del lavoro da sviluppare dall’Autorità, con il ruolo importante e sostanziale del gestore SEI TOSCANA S.r.l., deve essere rivolto al potenziamento alla razionalizzazione ed efficientamento delle raccolte differenziate con il raggiungimento non tanto e non solo di obiettivi di differenziazione sui quali i territori dell’ATO TOSCANA SUD sono ad oggi in ritardo rispetto agli obiettivi posti ma quanto per incrementare concretamente le politiche di rimessa in circolo delle materie. Rispetto agli impianti di trattamento l’ATO TOSCANA SUD si trova oggi, in concomitanza con l’avvio del gestore, in una situazione di pieno rispetto degli indirizzi di legge primo fra tutti quello del divieto di smaltimento a discarica dei rifiuti talquali in vigore dall’ agosto 2013 con la cosiddetta Circolare Orlando. Rispetto agli impianti l’Autorità ha intrapreso un percorso di analisi delle strategie di razionalizzazione e semplificazione del quadro impiantistico che dovrà accompagnare, in un modo coordinato e sostenibile, gli effetti dello sviluppo dei sistemi di riduzione dei rifiuti a smaltimento, anche sulla base degli indirizzi da sviluppare su gli spunti che dovranno offrire il Piano Regionale dei rifiuti ed il Piano Interprovinciale in fase di adozione ed approvazione. All’interno di questo complesso quadro un ruolo fondamentale spetta alla capacità dell’Autorità, ma anche soprattutto del Gestore Unico, di poter intercettare e stimolare le migliori pratiche e le migliori opportunità che il mercato saprà offrire rispetto alla valorizzazione, anche economica, dei materiali da rimettere in circolo in forme di riciclo e riuso. Questo obiettivo rappresenta indubbiamente, attraverso i risultati di ricavo economico per la gestione sul mercato di materie riciclate, una poderosa spinta per quegli importanti investimenti necessari per far crescere la quantità ma soprattutto la qualità delle nostre raccolte differenziate. Sotto il profilo dei lavoratori il processo avviato deve costituire, secondo quanto previsto dall’ ATO TOSCANA SUD già a base di gara, il presupposto della unicità gestionale senza il quale parte importante della strategia alla base del processo avviato dai comuni sarebbe di fatto vanificato. Quindi è fondamentale che i “numeri” del disposto di gara siano rispettati sia sotto il profilo formale che su quello sostanziale. I Comuni, con i loro Sindaci, sono sicuramente gli attori principali del buon funzionamento del Servizio Associato ed è proprio su questa questione che la politica amministrativa dell’Area Vasta si dovrà confrontare. l servizio della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti è oggi, oltre che questione amministrativa, anche questione etica come quella energetica.  Il Legislatore nazionale ed il Legislatore regionale hanno il compito importantissimo di monitorare questi processi di unificazione dei servizi.